Partita IVA 01931140063 - Codice Fiscale 83006550061
Pro Loco Grondona
info@prolocogrondona.org
Statuto Versione pdf per la stampa

25-26-27 agosto
2017



















































































































































































































statuto
proloco
di grondona

Costituzione e Scopi

Art. 1 -   E’ costituita l’associazione denominata “Pro Loco di Grondona” (in prosieguo
Pro Loco) con sede in 15060 Grondona (Alessandria) - Via Municipio, 12.

Art. 2 -   La Pro Loco è una associazione non riconosciuta -apolitica e senza scopo di
lucro- aderente all’ U.N.P.L.I. (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia) ed al Comitato
Regionale delle Pro Loco del Piemonte
.

Art. 3 -   Gli scopi principali che la Pro Loco si propone sono:
a) riunire tutti coloro che hanno interesse allo sviluppo ed alla tutela delle risorse turistiche
locali;
b) contribuire al miglioramento delle loca1ità in cui la Pro Loco opera, promuovendone lo
sviluppo socio-culturale, valorizzando tutti le bellezze naturali ed artistiche esistenti e
tutelando il patrimonio ambientale;
c) promuovere e facilitare il movimento turistico, rendendo ai turisti ed ai villeggianti il
soggiorno più piacevole possibile, stimolando l’efficienza dei servizi pubblici, incoraggiando
l’apertura di alberghi, caffé e di ritrovi pubblici, la costruzione di impianti ed attrezzature
sportive e favorendo il miglioramento delle strutture già esistenti;
d) curare l’assistenza e l’informazione turistica, anche con l’apertura di appositi uffici;
e) organizzare festeggiamenti, gare, mostre, fiere, convegni, spettacoli, escursioni e gite;
f) sensibilizzare la popolazione residente ai fini dello sviluppo delle possibili attività turistiche

Art. 4 -   La Pro Loco opererà nei territorio del Comune di Grondona in accordo con enti
ed associazioni locali, che svolgano attività e iniziative interessanti lo sviluppo turistico.

Art. 5 -   I proventi della Pro Loco sono:
a) le quote di iscrizione dei soci,
b) i contributi di enti pubblici o privati,
c) le donazioni e
d) gli introiti di manifestazioni organizzate dalla Pro Loco stessa.


Soci

Art. 6 -   I soci si dividono in onorari ed effettivi.
- Sono soci onorari quelle persone ed enti che hanno contribuito e/o contribuiscono in
maniera particolare e rilevante al raggiungimento degli scopi della Pro Loco. Essi vengono
riconosciuti tali dal Consiglio di Amministrazione.
- Sono soci effettivi tutti coloro che ne abbiano fatto domanda, la quale sia stata
accettata. L’assunzione della relativa qualità comporta l’obbligo di corrispondere con le
modalità e nei termini fissati dal Consiglio di Amministrazione la quota annua associativa,
il cui importo viene fissato annualmente dall’Assemblea,
- Hanno diritto ad essere iscritti come soci effettivi tutti i residenti nel Comune ed altresì
coloro che per motivazioni varie (villeggianti, ex residenti, ecc,) sono interessati all’attività
dell’Associazione.

Art. 7 -   La qualità di socio si perde per dimissioni. Il Consiglio di Amministrazione
potrà, tuttavia, radiare il socio per morosità della quota associativa protratta per due anni
consecutivi e, inoltre, qualora intervengano gravi motivi.

Art. 8 -   I soci hanno diritto:
a)  a frequentare i locali dell’Associazione,
b)  a partecipare alle manifestazioni dalla stessa organizzate,
c)  a ricevere le eventuali pubblicazioni edite nel suo ambito,
d)  a partecipare alle Assemblee con diritto di voto,
e)  ad essere eletti membri del Consiglio di Amministrazione e ricoprire cariche sociali se
di età superiore agli anni diciotto.

Art. 9 -   I soci con l’iscrizione alla Pro Loco accettano tutte le disposizioni del presente
Statuto.


Organi della pro loco

Art. 10 - Sono organi dell’Associazione Pro Loco:
- Onorari: il Presidente onorario.
- Effettivi: l’Assemblea, il Consiglio di Amministrazione, il Comitato esecutivo, il
Presidente e il Collegio dei Revisori dei conti.


Assemblea

Art. 11 - L’Assemblea è costituita da tutti i soci regolarmente iscritti e nel frattempo non
dimessisi o radiati.
- L’Assemblea si riunisce in sede ordinaria ed in sede straordinaria.

Art. 12 - I soci sono convocati in Assemblea ordinaria almeno una volta all’anno; essa
viene indetta dal Presidente della Pro Loco, previa deliberazione del Consiglio di
Amministrazione
, che ne fissa la data, la sede e l’ordine dei giorno, dandone avviso ai
soci almeno venti giorni prima della data suddetta anche mediante mera affissione della
relativa comunicazione in luoghi, esercizi o locali pubblici o aperti al pubblico normalmente
frequentati dai soci nell’ambito del territorio del Comune di Grondona.
L’Assemblea ordinaria è valida in prima convocazione con la partecipazione di almeno la
metà dei soci e delibera con voto favorevole della metà più uno dei voti espressi. In
seconda convocazione, da indirsi un’ora dopo, l’Assemblea è valida qualunque sia il
numero dei soci presenti e delibera con voto favorevole della metà più uno dei voti espressi.

Art. 13 - L’Assemblea straordinaria può essere convocata:
a) dal Presidente della Pro Loco quando ne ravvisa la necessità;
b) su richiesta scritta di almeno un quarto dei soci.
- Per ciò che riguarda convocazione e validità dell’Assemblea straordinaria, si applica
quanto specificato in merito nel precedente articolo 12.

Art. 14 - Possono partecipare all’Assemblea tutti i soci aventi i requisiti di cui all’articolo
11; è consentito per ogni socio un massimo di due deleghe da presentarsi per iscritto.

Art. 15 - L’Assemblea ordinaria ha il compito di:
a) dare le direttive per la realizzazione degli scopi sociali;
i) deliberare sul conto consuntivo dell’anno precedente e sul bilancio preventivo dell’anno
corrente;
c) eleggere ogni tre anni il Consiglio di Amministrazione ed il Collegio dei Revisori dei
conti;
d.) eleggere per acclamazione, su proposta del Consiglio di Amministrazione, il
Presidente onorario;
e) deliberare su eventuali proposte dei partecipanti.

Art. 16 - L’Assemblea straordinaria ha il compito di:
a) deliberare sulle modifiche del presente Statuto;
b) deliberare sull’eventuale recesso dell’Associazione dal Comitato Regionale e
dall’U.N.T.L.I.;
c) deliberare sull’eventuale scioglimento e liquidazione dell’Associazione.

Art. 17 - Tutte le deliberazioni di cui al precedente articolo 16 saranno valide solo se
approvate con la maggioranza dei due terzi dei voti espressi.


Consiglio di amministrazione e Comitato esecutivo

Art. 18 - La Pro Loco è retta da un Consiglio di Amministrazione composto da un
numero di membri tale da assicurare una equilibrata rappresentatività degli iscritti e che
comunque non sia inferiore a sei e non superiore a trenta unità compresi i membri di
diritto
.
- Del Consiglio fa parte di diritto un rappresentante del Comune, in cui la Pro Loco ha
sede, nonché una adeguata rappresentazione degli organismi ed associazioni locali, che
svolgono attività o realizzano iniziative che interessano lo sviluppo turistico.

Art. 19 - I consiglieri nominano il Presidente e due Vice-Presidenti, eleggendoli -a
maggioranza di voti- tra i membri del Consiglio stesso.

Art. 20 - I membri del Consiglio di Amministrazione durano in carica tre anni e sono
rieleggibili concluso il loro mandato. La mancata partecipazione, senza giustificato motivo,
a tre riunioni consecutive del Consiglio di Amministrazione conferisce al Consiglio
stesso la facoltà di dichiarare decaduto il consigliere assente e di procedere, se lo ritiene
necessario, alla surrogazione del medesimo.

Art. 21 - Il Consiglio di Amministrazione è investito dei più ampi poteri per la gestione
ordinaria e straordinaria della Pro Loco, ed in particolare gli sono riconosciute tutte le
facoltà per il raggiungimento degli scopi sociali. Spetta, inoltre, al Consiglio la gestione del
patrimonio sociale e la compilazione dei bilanci preventivo e consuntivo da sottoporre
all’approvazione della Assemblea.

Art. 22 - Il Consiglio esprime nel proprio seno un Comitato esecutivo composto da nove
membri fra i quali il suo Presidente, i suoi due Vice-Presidenti, il consigliere delegato
all’organizzazione e gestione della “Sagra della capra e della fersulla” e altri cinque
consiglieri designati dal Consiglio in ragione dei mandati loro conferiti e/o degli incarichi
loro assegnati.
Al Comitato sono demandati -collegialmente o nella persona di singoli suoi componenti-
l’attuazione delle direttive e l’esecuzione delle delibere del Consiglio nonché tutti gli atti ed
adempimenti attinenti all’ordinaria amministrazione dell’Associazione relativamente ai quali
il Consiglio non ritenga di provvedere ovvero disporre esso stesso.
I membri del Comitato restano in carica sino alla scadenza del loro mandato di consiglieri
salvo revoca da parte del Consiglio, che può essere deliberata in qualsiasi momento.
Il Comitato si riunisce ogniqualvolta lo ritiene necessario per iniziativa di uno o più dei
propri componenti o allorquando richiesto del Consiglio ed è esentato da qualsivoglia
formalità quanto alla propria convocazione, alle comunicazioni fra i propri membri ed alla
assunzione delle proprie decisioni operative.

Art. 23 - Il Consiglio di Amministrazione deve essere convocato dal Presidente -con le
modalità dallo stesso meglio viste purché tali da consentire una tempestiva ed effettiva
ricezione del relativo avviso da parte dei consiglieri- almeno due volte all’anno ed
ogniqualvolta lo ritenga opportuno oppure a seguito di richiesta di almeno quattro
consiglieri, con avviso comunicato almeno cinque giorni prima della data di riunione.
- Le sedute del Consiglio di Amministrazione sono pubbliche e delle stesse deve essere
redatto verbale a cura del suo Segretario.

Art. 24 - Il Consiglio dì Amministrazione delibera validamente, quando siano presenti
almeno un terzo dei consiglieri, a maggioranza di voti. Per la validità delle riunioni di
Consiglio non sono ammesse deleghe. In caso di parità di voti è determinante il voto del
Presidente o, in assenza di questi, del Vice-Presidente, che lo sostituisce.

Art. 25 - Il Consiglio di Amministrazione, su proposta del Presidente, nomina un
Segretario ed un Tesoriere che hanno rispettivamente i seguenti compiti:
a) il Segretario deve tenere i libri dei verbali delle assemblee e dei consigli di
amministrazione nonché il libro dei soci ed espletare tutte le altre incombenze specifiche
della funzione
b) il Tesoriere deve tenere i libri contabili, predisporre i bilanci preventivo e consuntivo
nonché dare pratica attuazione agli adempimenti derivanti dalle leggi fiscali.
-
E’ data facoltà di affidare i due incarichi ad una sola persona.


Presidente

Art. 26 - Il Presidente rappresenta a tutti gli effetti l’Associazione, convoca e presiede
l’Assemblea ordinaria e straordinaria, il Consiglio di Amministrazione ed il Comitato
esecutivo
.
- Il Presidente viene eletto dai componenti il Consiglio di Amministrazione e dura in
carica tre anni.
- In caso di assenza o impedimento il Presidente è sostituito da uno dei due Vice-
Presidenti
.


Collegio dei revisori dei conti

Art. 27 - L’Assemblea nomina, scegliendoli fra i soci, due Revisori dei conti effettivi, più
uno supplente, che durano carica tre anni. I Revisori dei Conti hanno il compito di
esaminare periodicamente, ed occasionalmente in qualsiasi momento, la contabilità della
Pro Loco. Partecipano, senza diritto di voto, alle riunioni del Consiglio di
Amministrazione
.


Disposizione generali

Art. 28 - Tutte le cariche sociali sono gratuite. Compatibilmente con le disponibilità di
cassa, potranno essere rimborsate unicamente le spese vive sostenute per specifici
incarichi affidati dal Presidente.

Art. 29 - Lo scioglimento della Pro Loco potrà essere deciso soltanto in assemblea
generale con le modalità indicate agli articoli 16 e 17.
- In caso di scioglimento dell’Associazione, i beni acquisiti con il concorso finanziario
specifico e prevalente della Regione Piemonte o di enti pubblici saranno devoluti al
Comune nel cui territorio la Pro Loco ha espletato la propria attività.

Art. 30 - Con le particolari disposizioni di cui agli articoli 3, 6, quarto comma, 18, secondo
comma,23 e 29, secondo comma, del presente Statuto vengono soddisfatte le condizioni
richieste dalle Leggi Regionali in materia di Turismo per la iscrizione dell’Associazione
all’Albo Provinciale delle Pro Loco e per l’eventuale funzione come
Ufficio di Informazione Turistica.

Art. 31 - Per tutto quanto non contemplato nel presente Statuto sono valide le disposizioni
di legge vigenti.